Vuoi mandare del denaro al tuo pen-pal?

 

SEMPLICISSIMO INVIARE SOLDI AI DETENUTI CON J-PAY ! 

 

Purtroppo l’invio tradizionale di fondi ai detenuti del braccio della morte degli Stati Uniti non assicura tempi celeri e spesso capita che i pagamenti non vadano a buon fine per errata procedura.  Per questo Stefania Silva ci consiglia di utilizzare il sito:  www.jpay.com 

Per giovarsi di j-pay è necessario avere una carta di credito (sono certamente utilizzabili anche le carte pre-pagate che appartengono ai maggiori circuiti internazionali).

Dopo essersi registrati si può procedere all’invio dei soldi; ogni invio rimane memorizzato e si possono aggiungere in qualsiasi momento i nomi di altri detenuti, anche in diversi stati e non condannati a morte.

I tempi di accredito sono rapidi (tre o quattro giorni) e il costo equivale a quello degli invii tradizionali (5 dollari circa).

N. B. Nell’indicare il numero di matricola del detenuto, NON anteporre il simbolo “ # ”

 

Per chi invece volesse continuare ad utilizzare i sistemi tradizionali, Paolo, il nostro Tesoriere, illustra come fare per inviare soldi ai nostri amici nei bracci della morte dei vari Stati U.S.A

Queste sono le notizie necessarie per l'invio di soldi ai detenuti americani.

 

Di solito, per mandare soldi all'estero, si fa un trasferimento da banca a banca. In tal caso però, occorre conoscere la banca estera del destinatario, il numero del suo conto corrente e le coordinate bancarie precise. Tuttavia, nel caso dei detenuti, gli uffici che amministrano i loro soldi vogliono dei vaglia nazionali USA, oppure dei vaglia internazionali.

I vaglia nazionali USA possono essere richiesti e spediti solamente da qualcuno che è là (bisognerebbe essere sul posto, oppure dovrebbe farlo qualcuno che ci abita e che accetti di essere periodicamente disturbato per questo. I vaglia internazionali può farli la nostra posta ma la posta costa parecchio e, in nessun caso, la posta accetta di spedire anche i foglietti di deposito (i 'deposit slips') che talvolta sono necessari per mandare soldi ai detenuti.

Non resta quindi che la banca, possibilmente con una 'quinta colonna' all'interno che possa fare le operazioni senza spese. Le commissioni bancarie variano dalle 20 alle 40.000 lire, a seconda della banca ma sono trattabili. Parlando con la banca (o facendole parlare da un ottimo cliente), si potrebbero forse ottenere delle sostanziali riduzioni. Se poi si spiega che si tratta di operazioni umanitarie e che il loro intervento è solo quello di emettere l'assegno che poi spedite voi stessi, si potrebbe addirittura ottenere l'azzeramento delle spese e commissioni.

La banca deve quindi emettere un assegno internazionale in dollari americani (una specie di assegno circolare), tratto su una sua corrispondente americana, a favore di un soggetto che varia da stato a stato. Questo assegno, non per motivi di carcere o di detenuti ma per motivi bancari americani (questa precisazione vale infatti per tutti i trasferimenti negli USA fatti a mezzo di assegni internazionali), deve indicare nel bordo inferiore il numero del conto corrente che la banca italiana emittente mantiene presso la corrispondente americana ed il 'routing number' di quest'ultima (questo è un codice americano delle banche americane).

Detto assegno, unitamente al deposit slip quando richiesto, deve essere spedito per posta normale (ci mette cinque giorni), per raccomandata (ci mette ugualmente cinque giorni), per posta prioritaria (ci mette quattro giorni) o per corriere tipo DHL (ci mette un giorno o due al massimo). Se detto assegno andasse smarrito, la banca italiana può far emettere uno 'stop payment' dalla banca americana sua corrispondente (in pratica, fa annullare l'assegno) e poi ne può emettere uno nuovo.

Finora non ho avuto notizie di trattenute a favore della prigione (cioè, l'importo dell'assegno è sempre stato pagato tutto al detenuto). Non è detto che a qualche direttore di prigione non venga in mente qualcosa del genere, prima o poi. Vi faccio quindi l'elenco degli stati americani a cui mi è capitato di mandare soldi (sto guardando la carta degli USA,(da sinistra a destra).

 

WASHINGTON

Assegno da emettere a favore del detenuto e da inviare diretta- mente a lui, senza deposit slip. Si può inviare l'assegno solo per posta normale o prioritaria, NON per raccomandata o con corriere.

OREGON

Come lo stato di Washington.

CALIFORNIA

Come lo stato di Washington.

IDAHO

Come lo stato di Washington.

NEVADA

I soldi a favore dei detenuti nel Nevada devono essere mandati ad un centro di gestione, accompagnati da un deposit slip (da richiedere al detenuto). Si tratta di un modulo in tre copie a ricalco: le prime due vanno spedite con l’assegno all’indirizzo indicato sul deposit slip:

 

NDOP
P.O. Box 98687
LAS VEGAS, NV 89193-8687
(U.S.A.)

 

e anche l’assegno deve essere emesso a favore di questo ente.

La terza copia del modulo deve essere trattenuta dal mittente (sul deposit slip, in basso, ci sono comunque le istruzioni)

ARIZONA

Come lo stato di Washington. Ho avuto notizia che i soldi restano bloccati per 3 settimane prima di metterli a disposizione del detenuto. La scusa ufficiale è che non vogliono correre il rischio di vedersi restituire l'assegno internazionale impagato (cosa impossibile, perché sono le banche stesse che emettono questi assegni, e le banche non emettono assegni circolari a vuoto).

COLORADO

Come lo stato di Washington.

OKLAHOMA

Come lo stato di Washington, ma accettano di mettere i soldi a disposizione del detenuto solamente se l'assegno è tratto sull'American Express Bank di New York.

TEXAS

L'assegno internazionale deve essere emesso a favore di:
INMATE TRUST FUND
P.O. Box 60
HUNTSVILLE, TX 77342-0060

For: ...(nome e cognome del detenuto), No...(numero di matricola) L'assegno deve poi essere spedito allo stesso indirizzo con il deposit slip di cui allego un campione. I deposit slips vengono forniti dal Trust Fund ma solamente ai detenuti e non agli estranei. Sono quindi i detenuti che devono inviarci i deposit slips.

L'assegno ed il relativo foglietto (se ne possono inviare anche parecchi nella stessa busta) possono essere spediti per posta (normale, prioritaria, raccomandata) o per corriere. Possono anche essere consegnati a mano sul posto.

Questa procedura vale per tutti i detenuti in Texas, uomini o donne, condannati a morte o a pene detentive, qualunque sia la prigione dove sono rinchiusi. Per gli assegni dai 500 dollari in su, l'assegno viene incassato ma viene messo un blocco sui fondi per 2 settimane, sempre per la paura di vedersi restituire l'assegno impagato!

MISSOURI

L'assegno deve essere emesso come segue:

TREASURER, DEPARTMENT OF CORRECTIONS
P.O. Box 1609
JEFFERSON CITY, MO 65102

 

For: ...(nome e cognome del detenuto), No...(numero di matricola) Anche qui ci vuole il deposit slip, come da fac-simile allegato. Il tutto da spedire al suddetto indirizzo, negli stessi modi del Texas.

ILLINOIS

Come lo stato di Washington, ma con il limite massimo di dollari 50 per ogni assegno. Se una persona desidera inviare un importo maggiore, deve far predisporre tanti assegni, ognuno fino all’importo massimo di 50 dollari, in modo da raggiungere la cifra desiderata. Questi assegni possono poi anche essere inviati contemporaneamente, nella stessa busta, con un’unica spedizione, allo stesso detenuto.

TENNESSEE

Come lo stato di Washington.

MISSISSIPPI

L'assegno deve essere emesso come segue:

M.D.O.C.
P.O. Box 544
JACKSON, MS 39205-0544

 

For: ...(nome e cognome del detenuto), No...(numero di matricola) Per il Mississippi non c'è il deposit slip. L'assegno va spedito al suddetto indirizzo, negli stessi modi del Texas. La sigla 'M.D.O.C.' significa 'Mississippi Department of Corrections', ma non si scrive per intero.

ALABAMA

Qui, la prima volta, l'assegno internazionale è stato respinto dicendo che non si accettavano assegni personali, ma solo vaglia postali. Ho rimandato l'assegno internazionale dandogli una lezione di tecnica bancaria. Mi hanno restituito ancora l'assegno, dicendo che io non ero nella lista di quelli che potevano mandare soldi a quel detenuto. Allora ho spedito i soldi con un vaglia postale indicando, come mittente, il nome della corrispondente italiana di quel detenuto, e tutto è così andato a buon fine.

In pratica, per l'Alabama, per ogni detenuto c'è una lista di persone che sono autorizzate a mandargli soldi (tipo visiting list), e coloro che mandano soldi devono essere in questa lista. La seconda volta che mi hanno restituito l'assegno, lo hanno fatto per questo motivo e non ho potuto verificare se, ammesso che il mio nome fosse stato nella lista, avrebbero accettato l'assegno bancario internazionale. In ogni caso, non occorre il deposit slip.

SOUTH CAROLINA

Come lo stato di Washington.

D.C. DISTRICT OF COLUMBIA (DOVE C'E LA CAPITALE WASHINGTON)

Come lo stato di Washington.

FLORIDA

L'assegno deve essere emesso direttamente a favore del detenuto con l’aggiunta del numero di matricola.

Occorre compilare anche il deposit slip, che ci si può far inviare in bianco dal detenuto stesso. Il tutto da spedire al seguente indirizzo, negli stessi modi del Texas :

FLORIDA DEPARTMENT OF CORRECTIONS
Financial Service Center
Call Box No.12100, Centerville Station
TALLAHASSEE, FL 32317-2100

 

Per quanto riguarda gli altri stati dell'unione, non mi è ancora capitato di mandarci dei soldi. In caso capitasse, farei emettere l'assegno internazionale a favore del detenuto e lo manderei direttamente a lui. Se ci fosse tempo, suggerirei di chiedere preventivamente al detenuto chiarimenti sulla procedura da seguire.