FOGLIO  DI COLLEGAMENTO  INTERNO

 

DEL COMITATO PAUL ROUGEAU

 

Numero 291  -  Febbraio 2022

02221.png

Hamid Noury in carcere in Svezia

SOMMARIO :

1) L’Oklahoma uccide Postelle prima di sapere se la sua iniezione letale è ammessa

2) Programmata in Texas l’esecuzione di Melissa Lucio

3) Pervis Payne condannato a morte in Tennessee potrà tornare in libertà tra 5 anni

4) La storia della pena di morte in California

5) Continua in Svezia il processo contro l’iraniano Hamid Noury

6 Il patibolo di Malta aperto al pubblico

7) Notiziario: Iran

1) L’OKLAHOMA UCCIDE POSTELLE PRIMA DI SAPERE SE LA SUA INIEZIONE LETALE È AMMESSA

 

Il 17 febbraio è stato messo a morte in Oklahoma Gilbert Postelle, disabile mentale. È stata usata una combinazione di farmaci che si ritiene possa provocare grandi sofferenze. Durante la sua esecuzione non si sono tuttavia notati segni di sofferenza.

02222.png

Gilbert Postelle

Il 17 febbraio u. s. lo stato dell'Oklahoma ha giustiziato il trentacinquenne Gilbert Postelle, un uomo con un bassissimo QI che da bambino ha sofferto abbandono e tossicodipendenza.

Il condannato è stato dichiarato morto alle 10:14’. Durante l’esecuzione non ha mostrato segni di sofferenza. Scott Crow, direttore del Dipartimento Penale dell’Oklahoma, ha dichiarato che non vi è stata nessuna complicazione.

Postelle è la quarta persona messa a morte in Oklahoma negli ultimi mesi mentre è in corso una causa sulla legalità costituzionale del protocollo di iniezione letale previsto in tale stato. Postelle era uno dei querelanti in tale causa.

Per uccidere Postelle, l'Oklahoma ha usato un’iniezione letale di midazolam, vecuronio bromuro e cloruro di potassio - la combinazione di tre farmaci che ha causato recentemente varie esecuzioni ‘fallite’.

L'esecuzione visibilmente dolorosa di Clayton Lockett nel 2014 con tale combinazione di farmaci, aveva spinto l'Oklahoma a sospendere le esecuzioni. Ma tale stato ha ripreso ad uccidere in ottobre, giustiziando John Grant con gli stessi tre farmaci. Grant ha vomitato e boccheggiato mentre moriva. La sua autopsia ha in seguito rivelato che probabilmente ha vissuto un’esperienza straziante (1).

Postelle fu condannato per il ruolo da lui svolto nel 2005 nelle sparatorie che uccisero Donnie Swindle, James Alderson, Terry Smith e Amy Wright. Ricevette due condanne a morte per l'uccisione di Wright e di Alderson. Al momento del crimine aveva 18 anni, era dipendente dalla metanfetamina

e agiva su indicazione del padre. Anche suo padre e il fratello maggiore parteciparono al crimine, ma non furono condannati a morte.

I bracci della morte negli Stati Uniti sono colmi di persone che hanno vissuto povertà e abusi durante l'infanzia. Postelle non fa eccezione. Sua madre beveva alcol e faceva uso di metanfetamine mentre era incinta di lui. Suo padre andò in prigione per 18 mesi quando Postelle era bambino, lasciando lui e i suoi fratelli con la madre, che non era in grado di prendersi cura di loro. Lei “ha abusato dei suoi figli, che erano affamati e sacchi di ossa quando la loro nonna finalmente li ha presi”, ha scritto l’avvocato di Postelle nella domanda di grazia. Sua madre fu poi ricoverata in un ospedale psichiatrico.

Gilbert Postelle e il suo fratello maggiore David andarono a vivere con i nonni. Nel 1999, quando aveva 12 anni, Gilbert fu sottoposto a un test di funzionamento adattivo il cui risultato si collocò nel percentile più basso: non era in grado di scrivere, dire l’ora o indicare il valore di monete e banconote. In quel periodo, il nonno di Postelle ebbe un ictus, costringendo Gilbert e suo fratello ad abbandonare la scuola per aiutare il nonno a fare il bagno, nutrirlo e cambiargli i pannoloni mentre la nonna lavorava.

In quel periodo, il padre di Postelle smerciava metanfetamine in un vecchio autobus. Circondato da consumatori di metanfetamina, Gilbert Postelle ha provato la droga per la prima volta quando aveva 12 anni. Ne è diventato dipendente all’età di 13 anni, come si legge nella sua richiesta di clemenza.

A 15 anni Gilbert Postelle ha cominciato a frequentare una donna di 21 anni, con la quale ha avuto una figlia.

Quando Gilbert Postelle era un adolescente, suo padre, Brad, fu coinvolto in un incidente motociclistico che gli procurò danni al cervello. Nonostante la mancanza di prove, Brad Postelle si convinse che un uomo di nome Donnie Swindle era responsabile dell’incidente, e indusse i suoi figli a vendicarsi. Nel Memorial Day del 2005 (2), i tre figli andarono a casa di Swindle e uccisero lui e altre tre persone.

"La mia infanzia non è stata normale, ero dipendente dalle metanfetamine dall'età di 13 anni, si trattava di una dipendenza familiare, mio padre, mio fratello ed io; ma questo non giustifica in alcun modo le mie azioni", ha scritto Postelle in una dichiarazione che è stata preparata per la sua seduta di clemenza.

Dopo il crimine, Postelle fu sottoposto a due test del QI ottenendo punteggi nella fascia tra 75 e 79, indicativi di un funzionamento intellettuale limitato. Postelle è stato anche visitato da uno psicologo clinico, che gli ha diagnosticato un grave stato depressivo con caratteristiche psicotiche e ha riscontrato segni di disturbo da stress post-traumatico e possibile schizofrenia.

Il fratello di Gerald Postelle è stato condannato all’ergastolo senza possibilità di liberazione, e suo padre è stato giudicato incapace di sostenere un processo. Nonostante fosse il più giovane partecipante al crimine - appena in età per essere condannato a morte - Gilbert Postelle ricevette la sentenza capitale.

Gli avvocati e gli investigatori che hanno lavorato al caso di Postelle hanno detto che lui era incapace di collaborare con i propri difensori.

Il procedimento per determinare se il metodo di esecuzione usato per uccidere Postelle fosse crudele ed inumano sarebbe iniziato 11 giorni dopo il giorno dell’esecuzione.

Nel maggio 2020 il giudice distrettuale Stephen Friot ha detto di aver ricevuto assicurazioni che lo stato non avrebbe chiesto date per esecuzioni capitali fino al completamento del procedimento.

Ma un tecnicismo legale ha consentito allo stato di programmare le esecuzioni di Postelle e di altri mentre il procedimento era ancora in corso. A causa di un precedente della Corte Suprema, coloro che intendono mettere in questione i protocolli di iniezione letale devono non solo dimostrare che il metodo di esecuzione è incostituzionale, ma anche offrire un'alternativa. In un documento che tutti i querelanti hanno firmato, gli avvocati hanno fornito quattro metodi alternativi. Al che il giudice Friot ha detto ad ogni querelante di scegliere. Sei dei querelanti hanno rifiutato di farlo.

Quando Friot ha deciso l’anno scorso che il caso poteva essere sottoposto al processo, ha respinto i sei querelanti che non sono riusciti a indicare come avrebbero preferito essere uccisi. In una nota, Friot sembra guardare con favore a che lo stato metta a morte queste persone in modo che le loro esecuzioni possano produrre prove del fatto che il protocollo di esecuzione dell'Oklahoma è incostituzionalmente crudele.

"Poiché... sei dei querelanti nel caso in questione hanno rifiutato di proporre un metodo alternativo di esecuzione, ci potrebbero essere prove... per il nuovo protocollo dell'Oklahoma quando questo caso sarà sottoposto a giudizio per gli altri ventisei querelanti", ha scritto Friot.

Lo stato ha rapidamente programmato le esecuzioni per questi sei uomini, incluso Postelle, più un altro che non è mai stato parte della causa. I querelanti sono stati in seguito reintegrati nella causa, ma lo stato ha comunque portato avanti le esecuzioni. Quella di Postelle è stata l'ultima esecuzione prevista prima dell'inizio del processo.

Come ha suggerito Friot, la più recente ondata di esecuzioni statali ha già fornito prove che saranno usate al processo. L'autopsia di Grant, che è stato giustiziato in ottobre, ha mostrato che i suoi polmoni erano pieni di liquido, indicando che ha sperimentato un edema polmonare, che produce sensazioni simili all'annegamento o al waterboarding.

Benché i testimoni avessero indicato che Grant vomitava e aveva convulsioni mentre moriva, i funzionari del Dipartimento di Correzione dell'Oklahoma dichiararono all'epoca che non c’erano state complicazioni nella sua esecuzione.

L'esecuzione di Grant ha spinto il Pardon and Parole Board dell'Oklahoma a raccomandare clemenza per Bigler Stouffer, con 3 voti contro 2. “Penso che nessuna società umana dovrebbe giustiziare le persone finché non si capisca come farlo nel modo corretto”, ha detto allora il membro del Board Larry Morris. Il governatore Kevin Stitt ha però ignorato la raccomandazione e ha permesso di procedere con l'uccisione di Stouffer (3). (Pupa)

 

_______________________________

 

(1) Vedi n. 287

(2) Il Memorial Day è il giorno nel quale negli Stati Uniti d'America si commemorano i soldati americani caduti di tutte le guerre. Si tratta dell’ultimo lunedì di maggio.

(3) Vedi n. 289

2) PROGRAMMATA IN TEXAS L’ESECUZIONE DI MELISSA LUCIO

 

Lo stato del Texas ha programmato per il 27 aprile l’esecuzione di Melissa Lucio, madre di 14 figli. La Lucio è accusata di aver ucciso la figlioletta Mariah di 2 anni nel 2007. Una grande e crescente mobilitazione in favore della condannata riuscirà a salvare Melissa dall’iniezione letale?

02223.png

Lo stato del Texas ha emesso l’ordine di esecuzione per Melissa Lucio (nella foto), una donna maltrattata, condannata a morte per quella che potrebbe essere stata una caduta accidentale che uccise la figlia Mariah di due anni nel 2007. L'esecuzione è stata fissata per il 27 aprile p. v. Abbiamo già parlato di lei in ottobre quando la Corte Suprema si rifiutò di riesaminare il suo caso. (1).

Un grande mobilitazione è sorta in favore di Melissa Lucio: abbiamo notato l’intensificarsi degli interventi dei media sul suo caso man mano che si avvicina la data dell’esecuzione.

In un’intervista rilasciata al Texas Observer, Tivon Schardl, un avvocato difensore della Lucio, ha dichiarato: “Melissa, una donna innocente, rischia l’esecuzione perché un accusatore corrotto si è basato su una dichiarazione ottenuta da un Texas Ranger troppo zelante, che ha tormentato una donna traumatizzata estorcendole una falsa confessione”.

L’accusatore distrettuale che perseguì il Melissa Lucio, Armando Villalobos, sta attualmente scontando una condanna a 13 anni di reclusione inflittagli nel 2014 per corruzione ed estorsione. Dal 2006 al 2012, compreso il periodo in cui perseguì la Lucio, Villalobos intascò più di 100.000 dollari in tangenti. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, lui e altri sono stati coinvolti in un “progetto per generare illegalmente reddito per sé stessi e per altri attraverso corruzione ed estorsioni, favoritismo, influenza impropria, auto-arricchimento personale, occultamento e conflitto di interessi.”

Un altro difensore della Lucio, l'avvocato A. Richard Ellis, ha affermato che "Melissa Lucio è una donna maltrattata che è stata ingiustamente condannata alla pena capitale per la morte accidentale della figlia, caduta per le scale di casa … Combatteremo non solo per impedire l'esecuzione di Melissa, ma anche per ottenere il suo proscioglimento.”

Lo stesso giorno in cui il corpo di Mariah fu trovato nell’appartamento della Lucio, gli investigatori interrogarono per sette ore Melissa Lucio. Lei ammise di aver sculacciato Mariah ma negò di aver abusato della piccola. A tarda notte, dopo ore di continui interrogatori, il Texas Ranger Victor Escalon fece pressioni perché dicesse di più. Lei rispose: “Non so cosa vuoi che dica. Ne sono responsabile”. Quando in seguito Escalon le chiese di lividi sul corpo di sua figlia, la Lucio disse: “Credo di averlo fatto. Immagino di averlo fatto”. Una videocassetta mostrata alla giuria faceva vedere Escalon che chiedeva alla Lucio di mostrare come aveva “sculacciato” Mariah dopo averle dato una bambola, e quando sembrò che la donna non lo facesse abbastanza forte, lui stesso sculacciò la bambola.

Da notare che gli 11 figli più grandi hanno ripetutamente affermato che Melissa non ha mai malmenato né loro né Mariah (2).

L'accusa presentò l'interrogatorio della Lucio come una prova che la donna aveva abusato di sua figlia, e quindi doveva averla uccisa. I suoi difensori cercarono di presentare la testimonianza di uno psicologo, il dottor John Pinkerman, per spiegare l'effetto coercitivo dell'interrogatorio della polizia. Questi descrisse Melissa come una "donna maltrattata" che "si prende la colpa di tutto ciò che accade in famiglia", ma il giudice impedì a Pinkerman di testimoniare durante la prima fase del processo della Lucio, affermando che la sua testimonianza era irrilevante. Nel corso della prima fase del processo vietò anche la testimonianza dell'assistente sociale Norma Villanueva. Sia lo psicologo che l’assistente sociale furono autorizzati a testimoniare solo nella fase di inflizione della pena, dopo che Melissa era già stata giudicata colpevole.

John Pinkerman e Norma Villanueva avevano esaminato la Lucio e avevano detto che la sua storia di abusi e malattie mentali per tutta la vita spiegava lo stato emotivo "insensibile" e "impassibile" che la polizia e i pubblici ministeri interpretarono come ulteriore prova della sua colpevolezza. Non conoscendo il parere degli esperti, la giuria fu propensa a concludere - come lo Stato chiaramente sperava che accadesse - che la sua mancanza di emozioni visibili fosse un segno di una fredda indifferenza per la morte di sua figlia.

Un documento presentato dalle associazioni Innocence Project e Innocence Network spiega come nell'interrogatorio della polizia alla Lucio siano state utilizzate “tattiche fortemente minacciose” che hanno aumentato la probabilità di una falsa confessione. Sostenendo l'importanza degli esperti della difesa, il documento afferma: “Gli esperti aiutano le giurie a comprendere il fenomeno delle false confessioni e, quindi, possono aiutare a salvaguardare dagli errori giudiziari”. “Una notevole percentuale di donne ingiustamente condannate per aver ucciso un bambino fu costretta a confessare il falso”. Quando una donna maltrattata viene accusata di aver ucciso suo figlio, hanno affermato, “la necessità di una testimonianza di esperti per spiegare questi rischi alle giurie è importante” ed è fondamentale per valutare l’affidabilità della presunta confessione. (Grazia)

_______________

(1) Vedi n. 287

(2) Melissa Lucio ha avuto 14 figli. Due gemelli nacquero quando lei era già in carcere.

3) PERVIS PAYNE CHE FU CONDANNATO A MORTE IN TENNESSEE POTRÀ TORNARE IN LIBERTÀ TRA 5 ANNI (*)

 

Pervis Payne, un disabile mentale che fu condannato a morte in Tennessee per un duplice omicidio, potrà tornare in libertà tra 5 anni dopo aver scontato 39 anni di reclusione.

02224.png

Pervis Payne

Il cinquantaquattrenne Pervis Payne, un ex condannato a morte del Tennessee, mentalmente disabile, potrà essere liberato tra 5 anni dopo che lo scorso 31 gennaio la giudice del Tribunale Penale della Contea di Shelby, Paula Skahan, lo ha condannato a scontare 2 ergastoli simultanei, dando speranza alla sua famiglia che egli venga liberato dopo aver scontato 39 anni di reclusione.

Payne era stato rimosso dal braccio della morte a novembre sulla base delle decisioni di 2 esperti nominati dal tribunale secondo cui Payne è mentalmente disabile e non può essere giustiziato. Payne fu condannato alla pena di morte per aver ucciso nel 1987 Charisse Christopher e la di lei figlia di 2 anni, Lacie Jo, che furono ripetutamente accoltellate nel loro appartamento di Millington e lasciate in una pozza di sangue. Anche il figlio della Cristopher, Nicholas, che all'epoca aveva 3 anni, fu accoltellato ma sopravvisse.

Secondo la legge in vigore al momento della condanna originale di Payne, egli è costretto a scontare almeno 30 anni degli ergastoli simultanei. La sua condanna per l’accoltellamento del bambino Nicolas è rimasta in vigore. In sostanza Payne può beneficiare della libertà condizionale dopo 39 anni di carcere. Con 34 anni già scontati, la decisione della giudice significa che lui potrà essere rilasciato tra 5 anni se la Commissione per la libertà vigilata stabilirà che egli non è un pericolo per la società.

La giudice Paula Skahan ha detto che la famiglia Christopher ha sofferto tremendamente per le brutali uccisioni ma che le prove hanno mostrato che Payne “ha compiuto sforzi riabilitativi significativi”.

“Se rilasciato, l'imputato avrebbe una vasta rete di supporto che lo assisterebbe nella sua continua riabilitazione”, ha detto Paula Skahan durante l'udienza del 31 gennaio.

Dopo la sentenza, Payne ha abbracciato l'avvocato David Fletcher, ed ha ringraziato Dio ripetutamente.

Rolanda Holman, la sorella di Payne, ha detto ai giornalisti che la sua famiglia è stata sopraffatta dall’emozione dopo anni di lotta per suo fratello.

“Speriamo, come ho sempre detto, che la prossima volta lui sarà da questa parte, a pronunciare il suo discorso", ha detto la Holman fuori dal tribunale.

Payne, che è nero, ha sempre sostenuto la propria innocenza. Ha detto alla polizia che lui era nel condominio della Christopher per incontrare la sua ragazza, quando sentì la madre urlare ed egli cercò di correre in aiuto. Ha detto di essere entrato nel panico quando ha visto un poliziotto bianco e di essere scappato.

Durante il processo, i pubblici ministeri hanno detto che Payne era fatto di cocaina e cercava sesso quando ha ucciso la Christopher e la sua figlioletta in una “frenesia indotta dalla droga”. La Procuratrice distrettuale della Contea di Shelby Amy Weirich ha affermato che le prove indicano in modo schiacciante che Payne fu l’assassino. Il suo ufficio inizialmente ha contestato le dichiarazioni di disabilità intellettiva, ma ha fatto marcia indietro dopo che lui è stato riconosciuto mentalmente disabile.

Le esecuzioni di disabili mentali sono state dichiarate incostituzionali nel 2002, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che esse violino il divieto delle punizioni crudeli e insolite imposto dell'Ottavo Emendamento della Costituzione.

Ma prima che il governatore repubblicano Bill Lee, quest’estate, firmasse il disegno di legge che rende retroattiva la legge del Tennessee che vieta l’esecuzione dei disabili mentali, il Tennessee non aveva alcuna norma che consentisse a un detenuto di riaprire il caso a causa della sua disabilità intellettiva. Gli avvocati di Payne hanno affermato che la nuova legge è stata fondamentale per liberare Payne dal braccio della morte.

Il caso ha attirato l'attenzione nazionale degli attivisti contro la pena di morte e vede il coinvolgimento dell'Innocence Project, che sostiene l'uso del test del DNA nei casi che rivendicano una condanna illecita. I test del DNA peraltro non riuscirono a scagionare Payne.

Durante l'udienza di dicembre, i sostenitori di Payne hanno testimoniato che era una persona gentile e disponibile a cui piaceva tagliare l'erba dei suoi vicini, che accompagnava i parrocchiani alla chiesa dove suo padre era pastore, che era un detenuto modello nel carcere di massima sicurezza a Nashville dove è stato detenuto.

Hanno anche testimoniato che Payne era nato prematuro, aveva problemi di lettura ed era stato esonerato dall’esprimersi durante le lezioni e alla scuola domenicale, a causa dei suoi problemi di apprendimento. (Anna Maria)

___________________________

(*) Vedi i nostri precedenti articoli su Pervis Payne nei numeri 276; 277, Notiziario; 279; 282; 284.

4) LA STORIA DELLA PENA DI MORTE IN CALIFORNIA

In California è ancora prevista la pena capitale anche se negli ultimi 16 anni nessuno è stato messo a morte e il governatore Gavin Newsom si è impegnato a non firmare ordini di esecuzione. Ora lo storico e famigerato braccio della morte di San Quentin sta per essere smantellato. I 737 condannati a morte saranno trasferiti in altre carceri.

02225.png

Il carcere di San Quentin con il braccio della morte.

Si trova su una lingua di terra che sporge nella Baia di San Francisco.

A distanza di tre anni da quando il governatore Gavin Newsom fermò le esecuzioni in California (comunque nessuno è stato più ‘giustiziato’ negli ultimi 16 anni), il braccio della morte della California viene lentamente smantellato.

I 737 condannati alla pena capitale (tra i quali vi sono 21 donne), tutti ancora ‘giustiziabili’, vengono lentamente portati via da San Quentin, un luogo in cui la California, con tre metodi di esecuzione successivi - il cappio, il gas e l'ago - ha messo uomini e donne a morte dal 1893.

Questi sgomberi sono la conseguenza di ciò che gli elettori approvarono nel 2016 quando chiesero allo Stato di accelerare le esecuzioni e contemporaneamente accettarono di trasferire i condannati in altre carceri, svuotando la sezione più famigerata di una delle più famigerate prigioni dello stato. Non fecero questa seconda scelta per amore dei condannati ma perché, in altre carceri opportunamente strutturate allo scopo (dove già si trovavano i condannati all’ergastolo), essi potessero lavorare e così versare il 70% dei loro guadagni ai familiari delle vittime.

L’abolizione totale della pena di morte in California è ancora lontana e controversa. Ogni volta che un politico tenta un passo in tale direzione, si scontra con il potere dei conservatori e perde il consenso della popolazione.

Il braccio della morte di San Quentin è stato già svuotato in passato. Per due volte negli anni '70 le corti supreme della California e degli Stati Uniti abolirono la pena di morte in quanto punizione crudele e inusuale e i condannati ricevettero nuove sentenze e nuove collocazioni.

Gli intervalli tra le esecuzioni si sono sempre più allungati. Nell'aprile del 1967, Aaron Mitchell si tagliò l'avambraccio con un pezzo di metallo e proclamò: "Io sono la seconda venuta di Gesù!" Quindi, subito prima della sua esecuzione, aprì le ferite, si spalmò di sangue i palmi delle mani e rimase nudo in posa da crocifissione cantando: "Questo è il sangue di Gesù Cristo... io salverò il mondo".

Dopo Mitchell la California non mise a morte nessuno per un quarto di secolo, poi il 21 aprile 1992 uccise nella camera a gas Robert Alton Harris.

Dopo l'esecuzione di Harris con il gas, l’iniezione letale divenne prima il metodo preferito, poi l'unico metodo per uccidere, e quella famigerata camera a gas - variamente descritta di color verde giada o verde mela o verde ospedale, e per un po’ soprannominata dai detenuti “l’affumicatoio” - fu chiusa.

Sono seguite un'altra dozzina di esecuzioni, sotto i governatori democratici e repubblicani, fino all’ultima, nel gennaio 2006 (1). L'anno successivo, iniziarono i lavori per una camera di iniezione letale conforme alle norme legali sul dolore e la sofferenza, ma non fu mai utilizzata. Nel 2019, il governatore Newsom ne ordinò la chiusura. Newsom all’epoca rilasciò una splendida dichiarazione: “Ritengo che il delitto premeditato sia ingiusto, in tutte le sue forme e manifestazioni, incluso il delitto premeditato finanziato dal governo. Sono contrario alla pena di morte, da sempre.”

Il braccio della morte della California, come lo stesso stato, è il più popoloso della nazione. I suoi direttori e le guardie hanno raccontato storie, nel corso dei decenni, delle esecuzioni che ricordavano con maggior nitidezza: un prigioniero, soprannominato “soldato” per aver prestato servizio nella Seconda guerra mondiale sotto il generale Dwight D. Eisenhower, fu giustiziato poco prima che questi diventasse presidente e il condannato portò la foto di "Ike" con sé fino alla porta della camera a gas.

Nel 1956, un altro uomo, Robert Pierce, disse ai compagni di reclusione che lo avrebbe “fatto con le proprie mani”. Si tagliò la gola con un pezzo di specchio rotto che aveva nascosto in un libro, e le guardie carcerarie lo trascinarono nella camera a gas, col sangue che schizzava su di loro e sulla camicia bianca di Pierce mentre si dibatteva e imprecava.

Nel 1944, Farrington Hill volle ascoltare ancora una volta il valzer di Strauss "Storielle del bosco viennese". Ma il disco non si trovava nella biblioteca della prigione e i negozi di dischi erano chiusi. Quindi il direttore riunì la banda della prigione, che registrò il brano alla bell’e meglio, e Hill ascoltò la registrazione per tutta la notte e fino all’entrata nella camera a gas.

La California ha messo a morte anche quattro donne, tra cui una spietata gangster di nome Juanita Spinelli, che andò alla camera a gas nel novembre 1941 con le fotografie dei suoi figli e nipoti incollate sul cuore sotto il suo nuovo vestito verde.

Un tempo in California anche il rapimento con lesioni personali comportava una possibile condanna a morte. Fu il caso del famoso condannato Caryl Chessman, che non aveva ucciso nessuno, ma fu ugualmente ‘giustiziato’ per rapina, stupro e rapimento. La legge della California ora può imporre la pena di morte solo per crimini mortali in circostanze speciali, incluso lo spergiuro per far uccidere una persona innocente. Il tradimento rimane un crimine capitale in California, anche se ai sensi della legge statale è difficile stabilirne i casi.

Alcuni dei più importanti oppositori della pena capitale - o almeno dei modi di eseguirla – furono proprio i direttori di San Quentin. Lawrence Wilson era direttore quando Aaron Mitchell fu giustiziato, e questo cambiò il suo punto di vista contro la pena capitale. “Ci sono stati”, disse, “troppi casi in cui la posizione economica, sociale o politica determina una condanna a morte”.

L'ex direttore Clinton T. Duffy, che ha scritto un libro sui suoi anni a San Quentin, ha convenuto: "Non ho mai sentito di un uomo ricco giustiziato in questo stato, di un uomo con i mezzi sufficienti per una buona difesa". La pena capitale “non è uguale giustizia”. Egli odiava la pena di morte.

Nei primi 40 anni di esistenza dello stato della California, furono le contee, non lo stato, a giustiziare i condannati. I cittadini di Los Angeles però non credevano che il sistema giudiziario fosse del compito e formarono un loro "comitato di vigilanza". Un linciaggio, avvenuto nel 1863 è emblematico. I vigilantes portarono via il colpevole, Charles Wilkins, dall'aula del tribunale, dove era stato appena condannato per omicidio. Egli stava per essere riportato in prigione, quando una folla si riversò nell'aula. Wilkins, divenne "la sesta o settima vittima della gente indignata ed esasperata di Los Angeles nello spazio di un mese". Solo poche settimane prima, quasi 300 uomini armati – una grossa parte della popolazione cittadina, che era di 4.800 abitanti - avevano sfondato le porte della prigione, avevano portato via cinque detenuti e li avevano impiccati. Ora, mentre la folla portava Wilkins in un recinto, questi la supplicò invano di sparargli e di non impiccarlo.

Nel 1892, a Santa Ana, un uomo fu linciato e impiccato per aver ucciso il caposquadra di un ranch. Dopo una riunione segreta, circa tre dozzine di uomini armati sfondarono la porta della prigione e portarono via Francisco Torres. Lo impiccarono a un palo del telefono a un isolato dalla prigione, con una corda avvolta intorno al collo e un cartello appuntato sulla maglietta. Diceva: "Un cambio di sede".

Che fossero le contee o lo stato a portare a termine l'esecuzione, erano tenuti a farlo “entro le mura o il cortile di una prigione, o in qualche luogo privato della contea”. Ciononostante, il pubblico trovava il modo di guardare. Per la doppia impiccagione di due assassini nel centro di Los Angeles nel marzo 1885, lo sceriffo costruì un recinto rivestito di tela alto più di due metri per bloccare la visuale. Tuttavia, i pendii delle colline vicine e i tetti degli edifici circostanti si riempirono di guardoni. Gli uomini stavano in piedi davanti al recinto della prigione scavando spioncini con i loro coltelli a serramanico. Almeno 6.000 persone - forse metà della popolazione della città - guardarono Rodolfo Silvas e Francisco Martinez mentre venivano portati fuori. Gli uomini si inginocchiarono davanti a un prete e strinsero la mano al vicesceriffo Martin Aguirre. I cappucci furono posti sopra la loro testa, lo sceriffo fece segno ai boia, ed entrambi gli uomini caddero nella botola. Fu la prima esecuzione legale nella contea in una generazione, e forse l'ultima nella contea di Los Angeles prima che lo stato assumesse tale funzione nel 1891, eseguendo impiccagioni sia a San Quentin che a Folsom finché la camera a gas di San Quentin divenne l'unico luogo e metodo nel 1938.

La camera a gas fu prima testata su un maiale, che impiegò 35 minuti per morire, ma i funzionari della prigione rassicurarono il mondo sul fatto che non ci sarebbe voluto "per nulla" quel tempo prima che un uomo morisse. Nel dicembre 1938 fu simulata un’esecuzione nella nuova camera a gas con un paio di guardie carcerarie a torso nudo, legate all'interno della camera. Il direttore del carcere Court Smith disse nauseato: “Impiccare è già abbastanza brutto. Ma questo... è terribile. E, disse Smith, “è mio dovere farlo; altrimenti non parteciperei mai a questa impresa”.

I bracci della morte hanno generato la loro mitica sottocultura riguardante le parole d'addio e persino l’ultimo pasto. Praticamente a ogni esecuzione, i giornalisti californiani annotavano solennemente i menu dei condannati: Silvas e Martinez mangiarono un pasto portato dal vicino ristorante: ostriche, prosciutto e uova con patate fritte, pollo alla griglia ben cotto con cipolle fritte, pane, torta, sottaceti e una bottiglia di vino. Un prodotto alcolico non veniva offerto ai condannati da molto tempo, anche se nel dicembre 1938 i primi due uomini messi a morte nella camera a gas, fianco a fianco, chiesero e ricevettero un sigaro e un bicchierino di whisky ciascuno 10 minuti prima di andare incontro alla morte.

Negli ultimi due anni, il COVID-19 ha ucciso almeno una dozzina di condannati a morte in California, più di quante persone lo stato abbia messo a morte in circa 30 anni, e sebbene non sia facile prevedere che cosa faranno gli elettori, gli ultimi cambiamenti nella legge e nella pratica potrebbero rendere l’esecuzione del 514-esimo condannato l’ultima nella lista dei morti ‘giustiziati’. (Grazia)

 

________________________________________________________

 

(1) Si trattò dell’esecuzione del caro amico del Comitato e di molti di noi, il 73-enne, semiparalizzato e quasi cieco Ray Allen (Orso-che-corre), nativo americano Cherokee, che l’ottuso governatore Schwarzenegger decise spietatamente di far uccidere. Ricordiamo che sempre nel carcere di San Quentin morì nel 2017, per cause naturali, anche l’altro nostro carissimo amico, Fernando Eros Caro, nativo americano Yaqui.

5) CONTINUA IN SVEZIA IL PROCESSO CONTRO L’IRANIANO HAMID NOURY

 

L’iraniano Hamid Noury, boia e torturatore, non si peritò di girare per il mondo e fu arrestato in Svezia nel 2019. A carico di Noury è stato avviato un lungo processo arrivato alla 67-esima sessione. Buon per lui che la Svezia, a differenza dell’Iran, non abbia la pena di morte.

 

Il 18 febbraio presso la corte di Stoccolma si è tenuta la 67-esima sessione del processo a carico di Hamid Noury, l’ex viceprocuratore che partecipò alle esecuzioni durante il massacro dei prigionieri politici nel 1988 in Iran. Noury fu arrestato nel 2019 quando visitò il paese scandinavo. In seguito, è stato incriminato di crimini di guerra e omicidio di massa per il suo ruolo nel massacro.

Il testimone Mohammad Izadjou ha ricordato che Hamid Noury e Davood Lashkari presero diversi prigionieri e li portarono nel braccio della morte in cui furono immediatamente giustiziati.

Mohammad Izadjou fu arrestato il 16 gennaio 1983, all'età di 19 anni. Fu trasferito nel reparto 209 della famigerata prigione di Evin. Una volta arrivato a Evin, fu torturato e interrogato. La tortura continuò così a lungo che le sue gambe si infettarono e divennero nere fino alle ginocchia. Dopo aver sopportato l'isolamento e lunghi interrogatori, nell'ottobre 1983 il testimone fu condannato a 8 anni di reclusione. Tra le accuse contro di lui c'erano "la collaborazione con l'Organizzazione dei fedayin del popolo dell'Iran" e "l’invito al popolo di ribellarsi contro la Repubblica islamica dell'Iran".

Mohammad Izadjou trascorse quattro anni in varie prigioni. Nel febbraio 1988, pochi mesi prima dell'inizio delle esecuzioni di massa, insieme a un gruppo di prigionieri in sciopero della fame fu trasferito nella prigione di Gohardasht.

Izadjou ha detto di aver sentito parlare delle esecuzioni da un compagno di prigionia, Hamid Nasiri, attraverso il codice Morse alle 6:00 del mattino del 31 agosto 1988. Ha aggiunto che Hamid Nasiri è stato impiccato poche ore dopo.

Lo stesso giorno, Izadjou è stato portato davanti alla "Commissione della morte", composta da Hossein Ali Nayeri, Morteza Eshraqi e Mohammad Moghiseh. Izadjou ha detto di essersi rifiutato di rispondere alle domande della Commissione. Fu frustato 40 volte quel giorno per non aver pregato il Dio in cui il regime afferma di credere. Uno degli inquisitori, Mohammad Moghiseh, aveva citato due frasi del leader del regime: "gli apostati e coloro che fanno guerra a Dio non dovrebbero sopravvivere" e "ti picchieremo così duramente che o diventerai musulmano o morirai".

Mohammad Izadjou ha ricordato Naserian come assistente e direttore della prigione, Lashkari come supervisore e Hamid Noury come viceprocuratore di Gohardasht. Il testimone ha dichiarato di aver visto l'imputato più volte con altri funzionari. In particolare, al culmine del massacro, ha assistito al fatto che l'imputato ha portato i prigionieri nell'anfiteatro, il luogo in cui i prigionieri politici sono stati impiccati. Izadjou ha anche testimoniato che lui, insieme a un gruppo di prigionieri che erano sfuggiti all'esecuzione, sono stati frustati e picchiati duramente mentre erano nudi. Anche se era stato promesso loro di essere rilasciati il 24 febbraio 1988, fu chiesto loro di partecipare a una manifestazione organizzata di fronte all'ufficio delle nazioni unite a Teheran. Poiché lui e altri 20 detenuti si rifiutarono di partecipare, sono stati tutti rimandati nella prigione di Evin.

Alla fine, il 13 marzo 1989, Mohammad Izadjou fu rilasciato.

6) IL PATIBOLO DI MALTA APERTO AL PUBBLICO

Il patibolo di Malta – su cui furono messi a morte 14 uomini tra il 1893 e il 1943 – è stato aperto al pubblico. Sono passati 51 anni dopo la sua ultima utilizzazione.

02226.png

Il patibolo

Il patibolo, costituito da un cappio rivestito e da un sistema di leve, si trova nei pressi del Corradino Correctional Facility di Paola.

02227.png

Il cappio

La storia del patibolo di Malta mostra come in questo paese la giustizia e le pene si siano evolute negli ultimi due secoli.

La prima esecuzione si è avuta nel 1893, con Giuseppe Vella, mentre l'ultima esecuzione sull'isola è avvenuta nel 1943, quando furono impiccati i fratelli Karmnu e Giuseppe Zammit.

Una delle esecuzioni più famose nella storia di Malta è quella di Carmelo Borg Pisani, accusato nel 1942 di essere una spia italiana che lavorava contro le autorità britanniche.

Nel 1971, la pena di morte è stata abolita. Ora, 51 anni dopo, la stanza del patibolo è stata restaurata in un progetto co-gestito dai funzionari della prigione e dai detenuti - e il pubblico è invitato a entrarvi per conoscere un orribile aspetto della storia maltese. (Pupa)

7) NOTIZIARIO

 

Iran. Giustiziato Mirsoltan Amiri accusato di reati di droga. Il 27 gennaio è stato messo a morte nella prigione centrale di Urmia il 68-enne Mirsoltan Amiri accusato di reati di droga. Iran Human Rights ricorda che l’estate scorsa è stato giustiziato il figlio di costui, Shahriar Amiri, accusato degli stessi reati. I due sono stati impiccati dopo essere rimasti in carcere per circa 5 anni. Lo scorso 10 dicembre Iran Human Rights aveva denunciato l’aumento delle esecuzioni conseguenti a reati di droga in Iran, che ora è ad un livello record, e aveva chiesto una pronta reazione alla comunità internazionale.

 

Iran. Accusato di reati di droga ucciso il 29 gennaio. Nasser Sohrabzehi, un baluco (cittadino del Belucistan) accusato di reati di droga è stato messo a morte nella prigione centrale di Zahedan il 29 gennaio u. s. Nasser è rimasto in carcere negli ultimi 5 anni dopo essere stato arrestato a Zahedan.

 

Iran. Due uomini accusati di violenza sessuale messi a morte il 30 gennaio. Farid Mohammadi di 29 anni e Mehrdad Karimpour di 32 anni, condannati a morte con l'accusa di “sodomia con violenza”, sono stati giustiziati la mattina del 30 gennaio nella prigione di Maragheh. I due erano stati condannati a morte oltre 6 anni fa con l’accusa di violenza sessuale ai danni di un ragazzo di 16 anni. Hanno ripetutamente affermato che non c’era stata violenza. Ma il ragazzo disse che lo avevano violentato.

 

Iran. Condannato per reati di droga giustiziato il 30 gennaio. Mohammadreza Afaridoun, un baluco condannato a morte 4 anni fa, è stato impiccato la mattina del 30 gennaio nella prigione centrale di Zahedan. Il Baluch proveniva dal villaggio Ghassem Abad nei pressi di Zabol ed era stato accusato di reati di droga.

 

Iran. Almeno 47 giustiziati nelle carceri iraniane nel mese di gennaio. 17 esecuzioni sono state portate a termine in Iran nel mese di gennaio per punire reati di droga e 24 per punire rei di omicidio. Tre uomini sono stati impiccati dopo essere stai accusati di Moharebeh (offesa nei riguardi dell’islam o dello stato). Due uomini sono stati messi a morte per omosessualità. Appare esserci un aumento delle esecuzioni rispetto a quelle portate a termine nel gennaio del 2021: almeno 31 in più. L'elevato numero di esecuzioni evidenzia le pessime condizioni dei diritti umani in Iran, che sono peggiorate dopo che il presidente Ebrahim Raisi è entrato in carica l’anno scorso. Ricordiamo che Raisi è considerato “il macellaio di Teheran” per la sua responsabilità diretta nel massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988 (vedi nn. 282, 285).

 

Iran. Messo a morte un baluco condannato per reati di droga. Hafizollah Barahouyi, un baluco condannato a morte per reti di droga, è stato messo a morte nella prigione centrale di Zahedan la mattina del 3 febbraio. I suoi familiari hanno potuto fargli un’ultima visita il 1° febbraio.

Iran. Khatoun Hamidi messa a morte nella prigione di Qazvin. Condannata per aver ucciso 5 anni fa l’uomo ricco che il padre drogato l’aveva costretta a sposare, Khatoun Hamidi è stata impiccata nel carcere centrale di Qazvin il 5 febbraio u. s. Il fratello della condannata ha tentato invano di ottenere la sua liberazione pagando un indennizzo (detto prezzo del sangue) ai parenti del marito ucciso.

Iran. Due cugini messi a morte il 6 febbraio. I cugini Behzad Tahmtan, di 35 anni, e Youssef Tahmtan, di 26 anni, sono stati giustiziati nella prigione centrale di Ardabil la mattina del 6 febbraio. Erano stati arrestati tre anni fa e poi condannati a morte per omicidi e rapine. Da notare che tale Babak Rezaei fu messo a morte il 16 maggio del 2018 dopo essere stato erroneamente condannato per omicidi commessi da Behzad Tahmtan.

Iran. Mirza Rouhifar giustiziato nella prigione di Aligoudarz. Il 37-enne Mirza Rouhifar, un venditore di pneumatici, condannato a morte per aver ucciso il suo vicino durante un alterco per motivi finanziari, è stato impiccato nella prigione di Aligoudarz il 7 febbraio.

 

Iran. Messo a morte per l’omicidio del cognato, per ora risparmiata sua sorella. Il 13 febbraio Mokhtar Valizadeh è stato impiccato nella prigione centrale di Shiraz, accusato di aver ucciso il cognato cinque anni fa in complicità con sua sorella. La sorella del giustiziato, per ragioni ignote, non è stata uccisa ed è stata riportata nella sua cella.

 

Iran. Mosayeb Faraji giustiziato il 13 febbraio a Kermanshah. Il fratello di Mosayeb Faraji, Mozafar, 15 anni fa durante una colluttazione fu colpito e ucciso con una bottiglia di vetro. La persona accusata di aver ucciso il fratello fu rilasciata dopo un anno. Tre anni fa un parente di quella persona fu ucciso. Mosayeb Faraj fu arrestato e condannato a morte per l’omicidio di quel parente.

 

Iran. Un uomo è stato giustiziato il 16 febbraio ad Isfahan. Il quarantenne Kazem Yousefi, condannato a morte per omicidio, è stato impiccato il 16 febbraio nella prigione centrale di Isfahan. Il condannato era detenuto nella prigione di Khomeini Shahr ed è stato trasferito ad Isfahan, la città in cui commise l’omicidio, 15 giorni prima dell’esecuzione.

 

Iran. Il 21 febbraio messo a morte un 49-enne nella prigione di Kashan. L’accusatore Ruhollah Dehghani ha reso noto che un uomo di 49 anni è stato messo a morte a Kashan la mattina del 21 febbraio. Ruhollah Dehghani ha dichiarato: “La sentenza di rappresaglia nei riguardi di un uomo accusato di aver ucciso una donna nel 2017 è stata portata a termine nella prigione di Kashan questa mattina. Il reo 49-enne, che aveva conosciuto online la sua vittima 42-enne, fu arrestato subito dopo aver commesso il crimine”. Le autorità non hanno reso noto il nome del 49-enne giustiziato.

 

Iran. Messo a morte Reza.Gh nella prigione centrale di Mashhad. Un uomo di cui non è stata rivelata l’identità, chiamato semplicemente ‘il 30-nne Reza.Gh’, è stato messo a morte nella prigione centrale di Mashhad il 21 febbraio. Fu arrestato nel novembre 2018 e accusato di aver ucciso a coltellate un amico durante un litigio per motivi finanziari un mese prima.

 

Iran. Impiccati cinque omicidi il 23 febbraio. Nella prigione di Rajai Shahr il mattino del 23 febbraio sono stati messi a morte cinque uomini accusati di omicidio. Si conoscono solo i nomi di due dei cinque giustiziati: Hamed Azizi e Mehran Jafari. Quel giorno sette altri condannati a morte sono stati riportati vivi nelle loro celle. Non si sa se costoro hanno ricevuto il perdono dalle famiglie delle loro vittime o se verranno messi a morte.

 

 

Questo numero è aggiornato con le informazioni disponibili fino al 28 febbraio 2022